Valtiberina: urgente la nomina del direttore dell’unità salute mentale

“Tuttora-affermano Marco Casucci e Manuel Vescovi, Consiglieri regionali della Lega Nord-la zona distretto sanitaria della Valtiberina è l’unica a non disporre di un direttore dell’Ufsma(Unità funzionale salute mentale adulti); tale lacuna, costringe, quindi, il responsabile della zona aretina a prestare servizio anche in Valtiberina, garantendo però una presenza discontinua.” “A parte ciò-precisano i Consiglieri-mancano i posti letto da destinare a quei degenti che devono essere sottoposti a trattamenti psichiatrici, con tutti gli inevitabili disagi del caso.” “Considerate le predette criticità-sottolineano Casucci e Vescovi-abbiamo, dunque, deciso di predisporre un’interrogazione in cui chiediamo al Presidente Rossi di spiegare quali siano le motivazioni che hanno portato la dirigenza sanitaria dell’Usl competente a non programmare la nomina del dirigente Ufsma e se, altresì, si preveda di mantenere la permanenza delle quattro figure professionali che compongono la predetta Unità funzionale, permettendo loro di operare esclusivamente nell’area Valtiberina.” “Infine-concludono Marco Casucci e Manuel Vescovi-il nostro atto mira a chiedere di ristabilire i posti letto, idonei per gli specifici trattamenti, oltre a  ipotizzare la creazione di ulteriori strutture intermedie per consentire una vita dignitosa, anche al di fuori della struttura sanitaria, a questa particolare tipologia di pazienti.”