Fusione dei comuni: salvaguardare l’interesse dei territori

“Da sempre-afferma Marco Casucci, Consigliere regionale della Lega Nord-sono assolutamente convinto che le tanto auspicate fusioni dei comuni, in questo caso riguardante Bibbiena, Chiusi della Verna ed Ortignano Raggiolo, non siano assolutamente la classica panacea a tutti i mali.” “Concetto-insiste il Consigliere-che ho più volte espresso durante incontri pubblici ed istituzionali, poiché l’argomento non deve essere sottovalutato e, viceversa, monitorato sotto varie sfaccettature.” “La Lega Nord ed il sottoscritto-sottolinea Casucci-pretendono che vengano ascoltati i cittadini, dato che siamo fermamente contrari ad annessioni che lederebbero fortemente la democrazia; bisogna coltivare l’interesse dei territori e non le brame di potere dei politici.” “Se-precisa l’esponente leghista-oltre il 50% degli aventi diritto dei comuni chiamati a decidere propende per il Sì, allora ben venga la fusione, in caso contrario, il nostro sarà, sempre, un NO secco.” “Insomma-conclude seccamente Marco Casucci-la tematica deve essere affrontata con cognizione di causa , studiando attentamente i pro ed i contro dell’operazione; i cittadini devono, infatti, essere consapevoli che è un matrimonio da cui spesso non si può divorziare, poiché la normativa vigente non consente, una volta avvenuta la fusione, di poter ritornare alla situazione originaria nei comuni con popolazione inferiore ai 10.000 abitanti.”